DOVE SI PUO’ DORMIRE ?

Le scelte e le possibilità che la Namibia offre sono molteplici, a seconda delle esigenze e del budget a disposizione. Le sistemazioni più comuni che si possono trovare sono le seguenti :

  • HOTELS: si trovano principalmente nei grandi e medi centri abitati ed includono solo la prima colazione. Quelli più lussuosi dispongono, al proprio interno, di un ristorante, dove gli ospiti possono fruire dei pasti principali.

  • LODGES: sono molto diffusi in tutta la Namibia e sorgono in grandi spazi aperti, in concessioni o ranch privati. La scelta è ampia e si passa da quelli a gestione familiare fino ad arrivare a strutture estremamente lussuose che offrono un servizio superbo. Alcuni tra i lodges più apprezzati e famosi sono costituiti da campi tendati fissi, che normalmente sorgono su piattaforme di legno e con pareti tendate mobili (con chiusure a zip), in modo da poter offrire agli ospiti un maggiore contatto con la natura. Nonostante non si tratti di strutture in muratura, offrono comunque un grande comfort e in alcuni casi vero e proprio lusso. E’ consigliabile, quando e dove possibile, fermarsi due notti consecutive presso la stessa struttura, per poter sfruttare e fruire al massimo di ciò che le stesse hanno da offrire.

    Ci permettiamo pertanto di fare una brevissima descrizione di come potrebbe essere una classica giornata in lodge, ammesso che si decida di acquistare le escursioni che gli stessi propongono. Spesso vengono proposte delle uscite guidate all’alba che sono precedute da una leggera colazione (caffè, muffins e dolci vari). La durata delle escursioni è variabile, ma al ritorno viene comunque servita una colazione vera e propria, che si può definire colazione “continentale”. Questo fa si che il pranzo sia costituito da uno spuntino leggero, magari un sandwich o un’insalata. Prima del tramonto, normalmente viene proposta un’altra uscita che fa ritorno al lodge poco prima dell’ora di cena. In casi particolari, alcuni lodge offrono anche brevi escursioni notturne.

  • GUESTFARMS: si tratta di fattorie quasi sempre a gestione familiare, con poche camere, normalmente posizionate in zone rurali e che dispongono di appezzamenti di terreno molto vasti. Sono sistemazioni semplici ma curate, che ricordano vagamente i nostri agriturismo; qui si può usufruire in genere della pensione completa.

  • BED AND BREAKFAST E GUESTHOUSE: anche in questo caso si trovano in grandi e medi centri abitati e sono più semplici ed economici degli hotels. Nel prezzo è compresa solo la prima colazione e quasi sempre non dispongono del ristorante, quindi è bene prevedere di uscire per pranzo e per cena.

  • RESTCAMPS: si tratta delle strutture che si trovano all’interno dei parchi nazionali. Possono essere soluzioni piuttosto semplici (ad esempio bungalows in legno) oppure di medio e alto livello. E’ assolutamente necessario prenotare in anticipo e anche in questo caso non è detto che si riesca a trovare posto, in quanto sono molto richiesti grazie alla posizione privilegiata che vantano. In genere, adiacenti alle strutture fisse, si trovano anche le aree attrezzate per il campeggio, dove è necessario riservare il posto per le tende e per i veicoli.

  • CAMPSITES: non sono altro che campeggi privati situati in molte zone del Paese, che dispongono di servizi di base, dove normalmente non esiste un luogo di ristoro, quindi è necessario arrivare ben forniti di cibo e bevande e di tutta l’attrezzatura per cucinare
    (quest’ultima è in dotazione delle auto attrezzate a noleggio, oltre a tutto quanto serve per campeggiare).

A CHI RIVOLGERSI PER LE ESCURSIONI?

Per chi sceglie un self drive, è importante sapere che in Namibia non ci si sente mai “abbandonati”, e che esistono mille modi diversi per poter organizzare delle escursioni interessanti, avendo il supporto di personale qualificato, in grado di trasmettere le informazioni e la passione per l’Africa.

Tutti i lodge (o quasi) organizzano escursioni guidate (con rangers / guide parlanti inglese) nelle aree limitrofe che presentano qualcosa di interessante.

Pertanto è fattibile prenotarle con anticipo in alcuni casi, ovvero prima della partenza, oppure direttamente al lodge. In alcuni casi è consigliabile farlo prima, perché ci sono escursioni estremamente interessanti, che Afrozapping, a seconda dei lodges nei quali si soggiorna, sarà felice di suggerirvi.

E’ POSSIBILE NOLEGGIARE UN’AUTO ?

Ovviamente si, proprio per poter partire alla scoperta di un Paese meraviglioso in totale autonomia. Esistono numerosi noleggiatori, tra i quali i più conosciuti come Europcar, Avis, Hertz, Budget, Asco etc, etc. Alcuni di questi sono presenti direttamente in aeroporto, altri invece sono in città, e quindi prevedono un trasferimento gratuito dall’aeroporto ai loro uffici, dove verrà consegnata l’auto.

Per poter noleggiare un veicolo è necessario presentare la patente INTERNAZIONALE che occorre richiedere in Italia presso la motorizzazione della propria città o all’Aci . Per ottenerla i tempi sono di circa una decina di giorni, mentre nei mesi estivi, quando la richiesta è maggiore potrebbero volerci anche un paio di settimane.

E’ opportuno quindi informarsi ed inoltrare la richiesta con un certo anticipo. Inoltre per noleggiare un veicolo é necessario essere in possesso di una carta di credito (l’American Express non è sempre accettata ).

QUAL E’ LA CONDIZIONE DELLA RETE STRADALE ?

La rete stradale in Namibia è realmente ottima. Numerose sono le strade asfaltate che sono le maggiori direttrici che tagliano in modo verticale tutto il paese con dei rami che toccano anche centri minori. La maggior parte restano le strade non asfaltate, ma che si presentano quasi sempre in buone condizioni, decisamente ampie con un fondo di pietrisco battuto costantemente. Inoltre i cartelli stradali con le segnalazioni sono estremamente visibili e ben presenti.

Questo discorso si può estendere a quasi tutta la Namibia, eccezione fatta per la regione remota del Kaokoland (escluso Epupa Falls, raggiungibile con facilità), dove si parla di piste e di passi di montagna, non consigliabili da affrontare senza una guida esperta. Durante la stagione delle piogge, la condizione delle strade potrebbe ovviamente non essere particolarmente buona, a causa delle abbondanti precipitazioni, in modo particolare nel nord del Paese e nella regione del Caprivi.

SI PUO’ SCEGLIERE DI VIAGGIARE DA “SOLI” ?

La risposta è assolutamente si. Come detto in precedenza la Namibia non presenta problemi particolari di nessun genere, quindi con la consueta ed usuale dose di buon senso, prudenza nella guida, una buona mappa ed un viaggio ben pianificato, sarà possibile visitare il paese senza l’appoggio e l’ausilio di una guida. La possibilità di essere gli autori assoluti ed indiscussi del proprio viaggio è senz’altro un’esperienza emozionante ed indimenticabile.

E’ NECESSARIO PRENOTARE ?

La prenotazione è fortemente consigliata, in modo particolare in alta stagione. Le ragioni sono molte: perché spesso e volentieri arrivando in una località è sempre difficile fare una scelta del luogo dove pernottare, in quanto non si conosce. In alta stagione il rischio è di non trovare neppure un posto e questo implicherebbe una gran perdita di tempo, senza contare il fatto che le distanze non sono irrisorie, e che quindi non trovando posto in una località, si rischierebbe di dover affrontare e macinare molti chilometri per risolvere il problema.

Inoltre il fatto di doversi cercare una sistemazione, toglierebbe del tempo prezioso alle visite e alle escursioni. Noi quindi consigliamo di pianificare il viaggio, in modo che non ci siano preoccupazioni da affrontare sotto questo punto di vista, ed anche perché no, per poter scegliere eventualmente una sistemazione piuttosto che un’altra, per poter godere magari dei benefici, e dei vantaggi che tutto ciò comporta.

COME SI MANGIA ?

Al di fuori di Windhoek e Swakopmund, nelle altre località i lodge propongono principalmente piatti a base di carne, soprattutto selvaggina (struzzo, kudu, impala, orix) ma anche dell’ottimo manzo. Non c’è invece molta varietà di frutta e verdura, e in ogni caso dipende molto dalle stagioni

In compenso la prima colazione è sempre molto varia e assortita, a partire dalle classiche uova e qualche affettato fino ai dolci in genere molto apprezzati, cereali, vari tipi di pane, frutta e altro. Nelle due città principali invece si trovano diversi ristoranti dove si possono gustare anche piatti a base di pesce, insalate, verdure e altro.

QUANDO ANDARE ?

E’ possibile individuare sostanzialmente due stagioni, una secca ed una delle piogge. La stagione umida va normalmente da novembre ad aprile (i primi mesi sono caratterizzati da “piccole piogge”, mentre da dicembre ad aprile le precipitazioni sono decisamente intense). La stagione ideale quindi per visitare il paese, corrisponde all’inverno, ovvero da maggio ad ottobre.

In questi mesi dell’anno le temperature diurne sono decisamente gradevoli, aggirandosi intorno ai 25°C, mentre la notte le temperature sono decisamente rigide, a volte sfiorano anche lo zero

COSA METTERE IN VALIGIA ?

Sicuramente per i safari servono pantaloni in cotone dai colori tenui, magliette in cotone maniche corte per la mattina e felpa e giubbettino per la sera, scarpe da ginnastica o da trekking chiuse.

Da non dimenticarsi gli occhiali da sole, le creme solari protettive e soprattutto macchina fotografica e/o telecamera e binocolo

QUALI COMPAGNIE AEREE VOLANO A WINDHOEK ?

La compagnia di bandiera è la Air Namibia, e rappresenta anche il modo più veloce di raggiungere il paese. I voli sono in partenza dai maggiori aeroporti italiani via Francoforte o Londra per poi raggiungere la capitale della Namibia , ovvero Windhoek. Esiste anche la South African Airways, che collega l’Italia a Windhoek, facendo due scali, il primo in una città europea (Francoforte, Monaco, Londra ) ed il secondo a Johannesburg e altre compagnie come Lufthansa e Emirates

QUALI DOCUMENTI OCCORRONO PER ENTRARE NEL PAESE ?

Per entrare nel Paese per turismo non è richiesto nessun visto per soggiorni che non superano i 90 giorni di permanenza. E’ però necessario per i cittadini italiani, come per tutti gli stranieri, essere in possesso di un passaporto con almeno 6 mesi di validità considerando la data di ritorno del viaggio.

E’ opportuno che i passeggeri non in possesso di un passaporto italiano, si rivolgano alle autorità competenti per avere informazioni precise relativo all’ingresso nel Paese.

QUALI SONO LE NORME SANITARIE PER VIAGGIARE IN SICUREZZA ?

Per i cittadini provenienti dall’Unione Europea, non è richiesta nessuna vaccinazione obbligatoria. La profilassi antimalarica può essere consigliata a coloro che si recano nel paese nella stagione delle piogge (da novembre ad aprile) e che intendono visitare le zone settentrionali del Paese, particolarmente umide e lungo i fiumi.

Negli altri periodi dell’anno, ovvero nella stagione secca, il clima si presenta con giornate fresche e notti decisamente rigide, il che non aiuta il prolificare delle zanzare, quindi il rischio di essere punti è realmente piuttosto ridotto. La nostra è ovviamente un’indicazione, pertanto consigliamo a tutti gli interessati di rivolgersi e di consultare comunque l’ufficio d’igiene delle proprie città o le ASL competenti, per avere e ricevere un’adeguata assistenza e spiegazione in merito.

QUALE LINGUA SI PARLA IN NAMIBIA ?

La lingua ufficiale in Namibia è l’inglese. E’ comunemente parlato l’Afrikaans ed in virtù del passato coloniale del Paese, anche il tedesco è molto diffuso. Molti sono i dialetti parlati dalle popolazioni e dai gruppi etnici locali, per la maggior parte il bantu oppure una delle diverse lingue khoisan.

QUAL E’ LA VALUTA LOCALE UTILIZZATA ?

La valuta corrente in Namibia è il dollaro namibiano (N$) ed è equiparata come moneta al rand sudafricano (ZAR), che è ancora comunemente accettato nel paese con un rapporto di 1:1.

Cambiare in valuta straniera è semplicissimo. Sarà sufficiente arrivare nel paese con degli euro, non è necessario effettuare doppi cambi (dollari americani, o rand), e cambiare in valuta locale al vostro arrivo all’aeroporto dove sono presenti uffici di cambio, oppure presso le banche. E’ importante tenere in considerazione, che le carte di credito sono comunemente accettate in quasi tutti i negozi, ristoranti ed alberghi. Attenzione: al momento gli unici esercizi che accettano prevalentemente contanti sono le stazioni di servizio, dove non sempre è possibile pagare con carta di credito.

Il dollaro namibiano è spesso soggetto a lievi oscillazioni, pertanto sarà possibile controllarne il valore esatto aggiornato consultando uno dei tanti siti che offrono il servizio di convertitore di valuta.

COME COMUNICARE CON L’ITALIA ?

Per effettuare delle chiamate in Italia dalla Namibia, è necessario inserire il prefisso internazionale del paese, che per l’Italia è 0039 seguito dal numero telefonico. In ogni caso, consigliamo comunque di contattare i propri gestori prima della partenza per poter avere delle indicazioni e dei suggerimenti in merito all’utilizzo del telefono all’estero.

I cellulari GSM prendono in buona parte del paese, è altrettanto vero però che le comunicazioni tramite telefono cellulare non sono proprio economiche. Pertanto consigliamo di acquistare una comune carta telefonica da utilizzare dai telefoni pubblici, presenti nei grandi centri e in alcune stazioni di servizio. Oppure un’altra soluzione, potrebbe essere quella di acquistare in loco una SIM card, per esempio della TANGO (anche direttamente in aeroporto), in questo modo voi sarete in possesso di un numero namibiano, e dall’Italia potranno chiamare il vostro numero senza che voi spendiate, ed anche le telefonate in partenza dal numero namibiano saranno più economiche.

Nel caso in cui decidiate di adottare questa formula chi vi chiamerà sul telefono cellulare con la scheda namibiana, dovrà comporre il seguente numero : 00264 più il numero di telefono senza lo 0.

QUAL E’ IL VOLTAGGIO UTILIZZATO ?

La corrente elettrica è erogata ad un voltaggio pari a 220/240 Volt e 50 Hertz. Pertanto per utilizzare qualsiasi apparecchiatura elettrica come asciugacapelli, carica batterie per telefoni e macchine fotografiche, rasoi elettrici e via dicendo, è assolutamente indispensabile un adattatore che sia una presa a tre poli rotondi, come quelle sudafricane.

Non è facile trovarle in Italia, mentre non è un problema acquistarla in loco, o chiederla in prestito alla reception di hotels o lodges.

C’E’ IL FUSO ORARIO ?

Il fuso orario in Namibia è presente. Durante l’estate namibiana (che coincide con il nostro inverno), la Namibia è un’ora avanti rispetto all’Italia. Mentre durante i mesi invernali (ovvero nei nostri mesi estivi) è un’ora indietro rispetto all’Italia.

Nel periodo di transizione tra ora legale e ora solare o viceversa (la data è variabile, pertanto non è possibile essere più precisi), non esiste alcuna differenza oraria.